La Mostra

Arriva a Verona al Museo AMO – Arena Museo Opera, dal 15 ottobre 2016 al 12 marzo 2017,la mostra Picasso. Figure (1906 – 1971), prima tappa di un nuovo progetto del Museo Picasso di Parigi.

La mostra, promossa dal Comune di Verona, è organizzata da Arthemisia Group in collaborazione con il Musée national Picasso – Paris ed è curata da Emilie Bouvard,conservatrice del Musée national Picasso.

Giovedì universitario

Tutti i giovedì gli universitari muniti di tesserino senza limiti di età potranno visitare la mostra Picasso alla tariffa di € 9,00 (anzichè € 14,00)

Gift ticket

Vuoi fare un regalo fuori dal comune ed essere originale?

Acquista un biglietto della mostra da regalare a chi vuoi. Sarà valido per un ingresso da usare per tutto il periodo della mostra
(acquistabili unicamente presso le casse di biglietteria della mostra)

Peschiera del Garda, un paradiso vicini a Verona: cosa fare e vedere?

Peschiera del Garda è un bellissimo borgo che si affaccia sul versante meridionale del noto Lago di Garda ed ha saputo mantenere intatto nel tempo un fascino prettamente antico. Sono i paesaggi che lo circondano a raccontare una storia infinita, ricca di dettagli e scorci particolari, sempre nuovi che si notano solo dopo diverse visite sul posto. Oltre alla natura però è il suo elegante centro storico a mettere a tua disposizione luoghi e monumenti da non perdere. La sua struttura, le mura mostrano origini antiche e il passaggio dei Romani (come a Verona) che la resero una delle rotte commerciali più importanti dell’epoca: non a caso la sua posizione è strategica, con sbocco nel fiume Mincio, che è emissario del Lago e affluente del Po. Le sua fortificazioni risalgono al Medioevo, periodo storico che puoi rivivere grazie alle mura di cinta circondate dall’acqua e soprattutto visitando la Rocca.

Ti risulterà impossibile restare impassibile di fronte alla bellezza dei borghi che circondano Peschiera, di fronte alla magia dei vicoli dei bastioni dove si trovano negozietti e ristoranti dove rilassarsi nelle giornate più fredde. Soggiornando nel borgo presso il B&B Sweet Life https://www.bbsweetlife.com/it/ potrai trovare la Palazzina Storica, il Museo Militare e la Caserma dell’Artiglieria, che ospita l’Archivio Storico e la Biblioteca Civica. Se la tua vacanza vuole essere orientata alla cultura e all’insegnamento, soprattutto se ti sposto con i più piccoli, non dimenticare di recarti al Santuario della Madonna del Frassino che è un monumento di importanza nazionale e meta di pellegrinaggio per i più fedeli.

Continua a leggere Peschiera del Garda, un paradiso vicini a Verona: cosa fare e vedere?

Botero in mostra a Verona: date e prezzi per il 2017-2018

Corpi rotondi, pieni, smisurati: è con il suo vero marchio di fabbrica che si è aperta a Verona la mostra di Botero, presso il Palazzo Forti. Non a caso, lo stesso Fernando Botero, ha proprio fatto della dimensione fiabesca e onirica il suo simbolo, il simbolo della sua arte nel mondo. La mostra dell’artista di origini colombiane è patrocinata dal Comune di Verona, e viene organizzata da Gruppo Arthemisia e MondoMostreSkira.

Dal 21 ottobre fino al prossimo 25 febbraio 2018, Palazzo Forti sarà la culla di un intero universo che permette di scoprire e conoscere le 50 opere dell’artista, seguendo una strada lunghissima che scandisce così la sua carriera dal 1958 al 2016.

Continua a leggere Botero in mostra a Verona: date e prezzi per il 2017-2018

Organizzare un evento a Verona: come scegliere l’attrezzatura

Sono molti gli aspetti da tenere in considerazione quando si organizza un evento. La location è forse uno dei principali, seguita da tutti gli aspetti organizzativi e di comunicazione. Una volta individuato il luogo giusto dove far svolgere il nostro evento, però, bisogna pensare a come attrezzarlo e a tutto ciò che serve perché il tutto vada per il meglio e sia un successo. Ovviamente molte variabili dipendono dal tipo di manifestazione vogliamo organizzare, ma in molti casi, tra i diversi aspetti, bisogna lavorare su tutto ciò che riguarda la tecnologia da utilizzare per l’audio e il video.

Partiamo per esempio da una convention aziendale, di una azienda che, magari una volta all’anno, organizza un evento per tutti i suoi clienti. Una volta scelta la location, che magari per l’occasione è una sala particolare o, perché no, in caso di bella stagione è all’aperto, bisogna affrontare tutte le temetiche che riguardano la tecnologia. Per fare in modo che tutti gli intervenuti sentano è necessario prevedere un impianto audio, se si vogliono proiettare delle slide o far visionare dei video, bisogna allestire lo spazio con il materiale necessario.
Lo stesso discorso, che magari amplifica la complessità, lo si può fare se stiamo organizzando un concerto, o una manifestazione fieristica, oppure uno spettacolo.

Continua a leggere Organizzare un evento a Verona: come scegliere l’attrezzatura

Alla scoperta del Teatro Romano di Verona

Nel primo secolo avanti Cristo, Verona era una importante colonia dell’impero romano e aveva un ruolo fondamentale nel sistema viario e commerciale. Qui infatti convergevano tre strade consolari. In questa città sorgeva un teatro, situato ai piedi di colle San Pietro, nella parte settentrionale della città antica.
Il teatro esiste ancora ed è il Teatro Romano, dove ogni estate si svolge un festival dedicato al teatro di Shakespeare.

Dalla sua costruzione ai giorni nostri, però, il teatro fu molto danneggiato, in particolare nel Medioevo, in cui inondazioni e maremoti lo colpirono. In seguito alcune delle sue mura esterne furono distrutte per utilizzare il materiale per costruire nuove case, che un poco per volta lo sommersero.

Solo nell’Ottocento cominciatono gli scavi per recuperarlo, grazie ad Andrea Monga, un commerciante che prima comprò tutti gli edifici sovrastanti e in seguito li fece demolire. I lavori proseguirono fino al 1970, ma nel frattempo a partire dal 1924 il Museo Archeologico ha qui la propria sede e dal 1948 le sue gradinate ospitano in estate un importante festival shakesperiano.

Quello che è oggi il teatro romano è, però, piuttosto diverso dalla struttura originale, più maestosa e grandiosa. Visto frontalmente il teatro era una struttura chiusa, priva del tetto, separata dal fiume Adige da un imponente muraglione che eguagliava in altezza l’insieme delle gradinate destinate agli spettatori. Il muraglione era stato costruito con blocchi di tufo ricavati dallo stesso monte, da cui rimangono alcune tracce.

A tutti i turisti che cercano un alloggio consigliamo di cercare un hotel in centro Verona, da cui partire per la visita di ogni sito archeologico a piedi.

La struttura del teatro è come quella di altri teatri romani dell’epoca. Erano presenti una cavea a gradoni semicircolare, un palcoscenico con un grande fondale in muratura che veniva utilizzato per gli ingressi degli attori. Tra la cavea e il palco era situata l’orchestra, esattamente dove ora risiede la platea.
Per costruire il teatro fu adattato l’intero fronte del colle, scavando all’interno un semicerchio a forma di cono capovolto per costruire i gradoni, divisi tra cavea bassa e cavea alta. La cavea bassa è quella meglio conservata ancora oggi, mentre la cavea alta non è stata ricostruita.

La gradinata terminava con due gallerie sovrapposte da cui si accedeva a tre terrazze che di aprivano sul teatro. Le misure della struttura erano: centocinquanta metri di larghezza, centodieci metri di profondità e settanza metri di altezza.

Il teatro romano resta una delle bellezze della città e merita un visita, ma soprattutto è molto suggestivo assistere qui a uno degli spettacoli della rassegna estiva dedicata al teatro di Shakespeare.

Mostra Picasso Verona, Produzione e Organizzazione

Un’opera per ogni anno della vita di Pablo Picasso nell’arco temporale che va dal 1906 fino agli anni ‘70: questa la novità assoluta della grande mostra che aprirà ad AMO Arena Museo Opera di Verona il 15 ottobre.

Dopo anni dall’ultima retrospettiva milanese dedicata al più ecclettico degli artisti del Novecento, tornano per la prima volta in Italia 91 opere tra le quali Nudo seduto (da Les Demoiselles d’Avignon del 1907), Il Bacio (la piccola e struggente tela del 1931) e La Femme qui pleure e il Portrait de Marie-Thérèse entrambe del 1937, solo per citare alcuni dei capolavori tra i molti concessi in prestito dal Musée national Picasso – Parigi che ne preserva la maggior parte. Opere di pittura, scultura e arti grafiche creano un percorso capace di raccontare la metamorfosi a cui l’artista sottopone la rappresentazione del corpo umano, mentre la sua arte attraversa le fasi del pre-cubismo, del Cubismo, dell’età Classica e del Surrealismo, fino a giungere agli anni del dopoguerra, superando le barriere e le categorie di “ritratto” e “scena di genere” per giungere sempre a un nuovo concetto di “figura”: quella che rese Picasso costruttore e distruttore al tempo stesso di un arte solo sua, dal fascino inesauribile.
Con il patrocinio del Comune di Verona, la mostra Picasso. Figure (1906-1971) è organizzata da Arthemisia Group in collaborazione con il Musée national Picasso – Parigi ed è curata da Emilie Bouvard, conservatrice del Musée national Picasso.

Orario apertura

Lunedì dalle 14.30 alle 19.30
Dal martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30

(la biglietteria chiude un’ora prima)

Aperture straordinarie

Lunedì 31 ottobre: 9.30 – 19.30
Martedì 1 Novembre: 9.30 – 19.30
Lunedì 5 dicembre: 9.30 – 19.30
Giovedì 8 dicembre: 9.30 – 19.30
Sabato 24 dicembre: 9.30 – 17.30
Domenica 25 dicembre: 14.30 – 19.30
Lunedì 26 dicembre: 9.30 – 19.30
Sabato 31 dicembre: 9.30 – 17.30
Domenica 1 gennaio: 12.30 – 19.30
Lunedì 2 gennaio: ore 9.30 – 19.30
Venerdì 6 gennaio: 9.30-19.30

Biglietti

Intero € 14,00 Audioguida inclusa

Ridotto € 12,00 Audioguida inclusa

65 anni compiuti (con documento); bambini dagli 11 ai 18 anni; studenti fino a 26 anni non compiuti (con documento); giornalisti non accreditati con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti); militari di leva; appartenenti alle forze dell’ordine, portatori di handicap; possessori Verona card, possessori biglietto ATV (Azienda Trasporti Verona) Lago di Garda (bus da/per Lago di Garda), possessori coupon Qui! Cultura, possessori tessera AreAArte card, soci Idea Verona e Associazione Verona Lirica, clienti, agenti e dipendenti Generali, possessori coupon L’Arena, dipendenti AGSM e Megareti muniti di badge (la tariffa si applica anche a 1 eventuale accompagnatore).

Ridotto Gruppi € 11,00

min 15 max 25 pax, prenotazione obbligatoria, microfonaggio obbligatorio

Ridotto Speciale € 6,50 Audioguida inclusa

Bambini dai 4 agli 11 anni, volontari Servizio Civile muniti di tesserino.

Ridotto Scuole € 5,00

min 15 max 25 pax , prenotazione obbligatoria, microfonaggio obbligatorio per scuole secondarie di 1° e 2° grado

Ridotto Scuole dell’infanzia € 3,00

Prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax

Omaggio

bambini fino a 4 anni non compiuti; guide turistiche con tesserino, 1 accompagnatore per disabile; insegnanti in visita con alunni e studenti (2 per ogni gruppo); 1 accompagnatore per gruppo; soci ICOM (con tessera); possessori di coupon omaggio; possessori vip card Arthemisia Group

Diritti di prenotazione e prevendita:

Gruppi e singoli € 1,50 per persona Scolaresche € 1,00 per studente

 

 

Visite guidate

(tariffa biglietto escluso, prenotazione obbligatoria, min 15 max 25 pax, microfonaggio obbligatorio)

Scuole € 80,00

Scuole in lingua straniera € 95,00

Gruppi € 100,00

Gruppi in lingua straniera € 115,00

 

 

Microfonaggio

Gruppi € 30,00

Scuole € 15,00

Proposta didattica

Visita guidata Scuola dell’infanzia e primi due anni della scuola primaria

DIPINGERE COME UN BAMBINO (durata: circa 70 minuti)

“Ho impiegato una vita intera per imparare a dipingere come un bambino”, ci confida Pablo Picasso. La visita sarà incentrata proprio sul modo in cui i bambini disegnano gli oggetti e le persone e, seguendo le parole del grande pittore, osserveremo le sue opere per capirne le prospettive, i colori e gli stati d’animo.

Visita guidata Scuola primaria

UNO NESSUNO CENTOMILA (durata: circa 70 minuti)

Andremo alla scoperta dello stile di Picasso e delle sue diverse forme di espressione, in continua evoluzione. Cubista, classicista, surrealista, pittore, scultore… non appena ci sembra di conoscerlo ecco che di nuovo cambia, sperimentando tecniche, forme e mezzi sempre diversi, eppure sempre riconoscibili nell’inconfondibile mano di Pablo Picasso!

UN’ARTE A COLORI (durata: circa 70 minuti)

“I colori, come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni”, afferma Pablo Picasso e le sue opere ce lo confermano! Come l’artista varia costantemente il suo modo di esprimersi e rappresentare la realtà, così trasforma la sua tavolozza, potentissimo mezzo di espressione. Osservando le opere del pittore ne indagheremo il significato a partire da colori, toni, accostamenti di tinte e sfumature, per comprendere al meglio l’eccezionalità della sua arte.

A SCUOLA DI DISEGNO (durata: circa 70 minuti)

Misure, proporzioni, armonie… come è difficile rappresentare la figura umana! Ma per Picasso, sempre alla ricerca di un nuovo linguaggio, le norme stabilite dai maestri non sono valide. Osservando come il pittore rappresenta la figura umana, compiremo un viaggio nella sua arte e scopriremo tutti i segreti della sua grandezza.

Visita guidata Scuola secondaria di primo grado

PICASSO: TRASFIGURAZIONE E METAMORFOSI (durata: circa 70 minuti)

Il percorso artistico di Picasso si caratterizza per una costante e illimitata forza di trasformazione: la ricerca di un linguaggio autonomo lo porta alla demolizione delle regole convenzionali della rappresentazione. Ripercorrendo il lungo cammino dell’artista, sarà possibile indagare a fondo le mutazioni del suo stile, la sperimentazione delle tecniche e il trasformarsi degli scenari da lui attraversati.

Scuola secondaria di secondo grado

PICASSO: LA STORIA NELL’ARTE (durata: circa 70 minuti)

Nel percorso di mostra seguiremo la vita di Picasso e la sua produzione artistica lunga quasi 80 anni, così avremo modo non solo di attraversare la storia del XX secolo ma anche di approfondire i maggiori movimenti artistici che hanno caratterizzato e rappresentato le vicende dell’Europa.

Richiesta Accrediti

Il rilascio di accredito da parte dell’Ufficio Stampa avviene unicamente se il suddetto accredito è finalizzato alla realizzazione di un servizio. Deve essere la Redazione a fare la richiesta per il giornalista inviando un’e-mail a press@arthemisia.it. Si procedere per n. 1 giornalista a testata e non si accredita la stampa di sabato, domenica e festivi. Se la visita non è finalizzata alla realizzazione di un servizio, presentando la tessera di iscrizione all’Ordine si può usufruire del biglietto ridotto.

Eventi Speciali Iniziative

In orari diversi rispetto a quelli della normale apertura al pubblico, le aziende hanno la possibilità di organizzare un evento speciale per le proprie esigenze istituzionali e di pubbliche relazioni.

L’evento esclusivo, unico e personalizzato nei dettagli, potrà essere articolato nella sola visita alla mostra, con servizio di guida-accompagnatore, o nella visita guidata riservata abbinata ad un momento conviviale.